Salta al contenuto

Articoli taggati ‘Circolo della Pulce’

18
Apr

Auguri di una serena Pasqua a tutti

A tutti i Soci, simpatizzanti, amici ed “avversari”,  il Circolo della Pulce augura una serena Pasqua di rinnovamento.

Il Presidente Giovanni Raggio e il Direttivo

12
Apr

Convocazione Assemblea Straordinaria

Gentilissimi Soci del Circolo della Pulce,

Oggetto: Convocazione Assemblea straordinaria

Si comunica che l’ Assemblea in oggetto avrà luogo in data 27 Aprile 2011 alle ore 00,00 in prima convocazione ed in SECONDA CONVOCAZIONE il 28 Aprile alle ore 21,oo  presso la saletta riunioni del Sapore di Mare. Rapallo, per discutere e deliberare sul seguente

ORDINE DEL GIORNO

  1. Approvazione bilancio consuntivo 04.06.2010 – 31.12.2010
  2. Approvazione bilancio preventivo 01.01.2011 – 31.12.2011
  3. Varie ed eventuali

Ringraziando tutti coloro che vorranno partecipare personalmente si ricorda a chi non potesse intervenire che potrà farsi rappresentare da altro Socio che ne abbia i requisiti, munito di semplice delega.
I Bilanci sono stati inviati via e-mail allegati alla presente convocazione, mentre per chi volesse prenderne visione è a disposizione dei Soci nella settimana precedente la riunione, (giorni feriali) il Registro di cassa, pregasi inviare mail per fissare eventuale orario.
Con l’occasione porgiamo i nostri più sinceri auguri di una santa e serena Pasqua a voi e alle vostre famiglie

Cordiali saluti

il Presidente
Giovanni Raggio
e il Direttivo

P.S. :

chi non avesse ricevuto l’allegato può farne richiesta tramite e-mail del Circolo. Grazie

28
Mar

Statuto del Circolo della Pulce

STATUTO Associazione Culturale “CIRCOLO della PULCE”

Premesso:

che il “Circolo della Pulce” è apartitico e  chi aderisce deve RISPETTARE le opinioni di ognuno mettendosi in ascolto, PER il rispetto del fine, NEL rispetto delle persone, COL rispetto dei fatti, siano questi compiuti dal singolo socio o dal Circolo;

che la premessa è parte integrante e sostanziale dello statuto:

Art. 1- In data quattro Giugno duemiladieci, in Rapallo

E’ costituita l’Associazione culturale denominata “CIRCOLO della PULCE” con sede in Rapallo Via LANGANO, 32. Essa è un’associazione di fatto, indipendente,  apartitica, con durata illimitata nel tempo e senza scopo di lucro, regolata a norma del Titolo I Cap. III, art. 36 e segg. del Codice Civile, nonché del presente Statuto.

Art. 2 – L’Associazione si prefigge di:

  • promuovere la vita sociale, la cultura, le tradizioni, gli avvenimenti , che interessano la società moderna in genere, con particolare attenzione a quelli riguardanti la propria città  svolgendo la propria attività prevalentemente nell’ambito cittadino, provinciale o regionale.
  • rappresentare le  aspirazioni della popolazione del territorio;
  • tenere informata la popolazione e offrire a chiunque, nel rispetto delle pari opportunità, la possibilità di esprimere le proprie opinioni sugli argomenti sopra elencati; facilitare e incentivare la circolazione di idee e progetti per una comune crescita civile, umana, socio-economica e politica che rappresenti le aspirazioni della popolazione del territorio

 

Art. 3 – L’Associazione “Circolo della Pulce” intende raggiungere i suoi fini:

  • curando e promuovendo  momenti di incontro, di discussione e di collaborazione con  organizzazioni Sociali, Sportive, Culturali, di Volontariato,  di Categoria, Politiche o comunque atte al raggiungimento del fine.

 

Art. 4 – L’Associazione “Circolo della Pulce ” è aperta a tutti coloro che, interessati alla realizzazione delle finalità indicate nell’art. 2, desiderino offrire la propria collaborazione e che abbiano i requisiti  richiesti; non possono iscriversi coloro che, al momento della domanda, risultino iscritti ad un partito politico o  siano esplicitamente attivi in favore di un partito politico o che siano sottoposti alle restrizione previste dall’Art.2 del DPR del 20.03.67 (norme disciplina elettorato)

  • Risultano soci fondatori tutti coloro che hanno sottoscritto il presente statuto.
  • Sono soci ordinari tutte le persone maggiorenni che, avendone i requisiti e  intendendo aderire all’associazione, presentano la propria richiesta al Consiglio direttivo e si impegnano sia al versamento della quota annuale, che alla collaborazione effettiva alle attività promosse dall’associazione.
  • Sono soci sostenitori i soci ordinari che verseranno liberamente una quota superiore a quella prefissata.
  • Sono soci simpatizzanti, tutti coloro che, non avendo i requisiti richiesti nel presente articolo, al momento della presentazione della domanda di iscrizione, aspirino a diventare soci ordinari, o diano un significativo contributo alla crescita del circolo e/o al raggiungimento dello scopo. Tali soci parteciperanno solo alle riunioni aperte a tutti o a quelle in cui il Direttivo avrà espresso parere favorevole, tali soci, saranno tenuti a versare  quote libere. I soci simpatizzanti non hanno diritto di voto in assemblea.
  • Sono soci onorari, tutti coloro, individuati in persone od enti, che in qualsiasi modo contribuiranno efficacemente al raggiungimento delle finalità nominati dal Direttivo; i soci onorari non hanno diritto di voto in assemblea.
  • La quota non è trasmissibile  e non è soggetta a rivalutazione.

Art. 5 – L’ammissione come soci ordinari a coloro che ne fanno richiesta mediante domanda scritta, è deliberata dal Consiglio direttivo. In caso di non ammissione è concesso appello, entro 30 giorni, all’organo di controllo.

Art. 6 – Tutti i soci sono tenuti a rispettare le norme del presente statuto e l’eventuale regolamento interno, secondo le deliberazioni assunte dagli organi preposti. In caso di comportamento difforme, che rechi pregiudizio agli scopi, al patrimonio dell’associazione o agli stessi soci, il Consiglio direttivo dovrà intervenire ed applicare le seguenti sanzioni: richiamo, diffida, espulsione dall’Associazione.

I soci espulsi possono ricorrere all’organo di controllo per iscritto entro trenta giorni dalla data del provvedimento.

Art. 7 – Tutti i soci, fondatori, ordinari e sostenitori, hanno diritto di voto, se in regola col versamento delle quote,  per l’approvazione e le modificazioni dello statuto e dei regolamenti e per la nomina degli organi direttivi dell’associazione. Il diritto di voto si matura come da Regolamento interno o in mancanza di questo dopo quattro mesi di iscrizione.

Art. 8 – Le risorse economiche dell’associazione sono costituite:

  • dalle quote associative;
  • da contributi da parte di enti o privati.

La quota associativa annuale è stabilita dal Consiglio direttivo. Eventuali contributi straordinari sono stabiliti dall’assemblea, che ne determina l’ammontare.

Le elargizioni in danaro, le donazioni e i lasciti, sono accettate dal Consiglio Direttivo che è tenuto a informarne l’assemblea unitamente al loro impiego.

È vietato distribuire, anche in modo indiretto, utili o avanzi di gestione nonché fondi, riserve o capitale durante la vita dell’Associazione, salvo che la destinazione o la distribuzione non siano imposte dalla legge.

Art. 9 – L’anno finanziario inizia il 1° gennaio e termina il 31 dicembre di ogni anno.

Il Consiglio direttivo deve redigere i bilanci preventivo e consuntivo. Tali bilanci devono essere approvati dall’Assemblea ordinaria ogni anno entro il mese di aprile.

Essi devono essere depositati presso la sede dell’Associazione entro i 15 giorni precedenti la seduta per poter essere visionati dai soci che intendono consultarli.

Art. 10 – Gli organi dell’Associazione sono:

  • l’Assemblea dei soci; (soci fondatori, ordinari e sostenitori)
  • il Consiglio direttivo;
  • il Presidente;
  • i Revisori o Organo di controllo.

. Art. 11 – L’Assemblea dei soci, assicura una corretta gestione dell’Associazione ed è composta da tutti i soci fondatori, ordinari e sostenitori,  ognuno dei quali ha diritto ad un voto, qualunque sia il valore della quota, se in regola col versamento della quota stessa,  le votazioni, salvo decisioni straordinarie del Direttivo, saranno espresse in modo palese.

Essa è convocata almeno una volta all’anno in via ordinaria, ed in via straordinaria in caso di richiesta del Consiglio direttivo o da almeno un terzo degli associati (soci fondatori, ordinari e sostenitori)

L’assemblea, sia ordinaria che straordinaria, è valida e delibera in prima convocazione con la presenza e col voto favorevole della maggioranza dei soci; in seconda convocazione la validità prescinde dal numero dei presenti.

La convocazione avviene mediante avviso pubblico affisso all’albo della sede almeno 15 giorni prima della data prevista per l’assemblea o con altri mezzi idonei per lo scopo.

Delle delibere assembleari deve essere data pubblicità mediante affissione all’albo della sede del relativo verbale o con altri mezzi idonei per lo scopo.

Art. 12 – Oltre ad esercitare le funzioni amministrative l’assemblea ordinaria ha i seguenti compiti:

  • elegge il Consiglio direttivo e i Revisori;
  • approva i bilanci preventivi e consuntivi;

L’Assemblea straordinaria delibera sulle modifiche dello Statuto e sull’eventuale scioglimento dell’Associazione.

All’apertura di ogni seduta l’assemblea elegge un presidente ed un segretario che dovranno sottoscrivere il verbale finale.

Il presidente dell’assemblea è nominato dall’assemblea stessa oppure presiederà il presidente del Consiglio Direttivo ed in caso di impedimento il Vice-Presidente, il quale è assistito dal Segretario. Nell’occasione di rinnovo delle cariche sociali sarà assistito anche da due scrutinatori scelti dal Presidente fra i soci intervenuti all’Assemblea. Spetta al Presidente concedere il diritto di intervento e constatare la regolare costituzione dell’Assemblea. Delle riunioni dell’Assemblea verrà redatto processo verbale, firmato dal presidente e dal Segretario.

Art. 13 – Il Consiglio direttivo è composto da  7 membri, eletti dall’Assemblea fra i propri componenti. E’ competenza del Consiglio direttivo eleggere al proprio interno il Presidente, il Vice Presidente, il Segretario ed eventuale Cassiere.

  • Il Presidente ed in sua assenza il Vice-Presidente rappresenta l’Associazione nei confronti dei terzi, salvo le eventuali deleghe o mandati conferiti a singoli componenti del Consiglio Direttivo. Il Presidente coordina tutte le attività.
  • Il Segretario cura la verbalizzazione delle sedute dell’Assemblea dei soci e del Consiglio Direttivo, cura la corrispondenza ed i comunicati. Il Cassiere tiene la contabilità inerente ai fatti della gestione ordinaria e straordinaria dell’Associazione; ha la facoltà altresì su autorizzazione del Presidente di effettuare riscossioni e pagamenti inerenti alla gestione dell’Associazione.
  • I Revisori, salvo diversa deliberazione dell’assemblea, si compone di due membri, scelti anche fra non soci ed eletti dell’Assemblea; essi rimangono in carica un triennio. In caso di morte, di rinuncia o di decadenza di un revisore, subentrano i revisori supplenti in ordine di voti. I nuovi revisori scadono insieme con quello in carica. Se con i revisori supplenti non si completa il collegio deve essere convocata l’Assemblea perché provveda all’integrazione del collegio medesimo. I Revisori eseguono il controllo della gestione contabile dell’Associazione e riferiscono su di essa all’assemblea convocata per l’approvazione del bilancio.
  • In caso di dimissione, decadenza  o comunque di diminuzione di uno o più membri del Consiglio direttivo, il/i sostituto/i saranno eletti da una Assemblea straordinaria al luopo convocata. Nel caso in cui la diminuzione o le dimissioni riguardassero la maggioranza dei membri del Consiglio Direttivo si dovranno indire nuove elezioni. La stessa procedura sarà applicata per i Revisori o Organo di controllo.

Il Consiglio direttivo è validamente costituito quando sono presenti 3 membri. I membri del Consiglio direttivo svolgono la loro attività gratuitamente e durano in carica 3 anni. L’intero Consiglio direttivo o anche un suo singolo componente, possono essere revocati dall’Assemblea con la maggioranza di 2/3 dei soci(soci fondatori, ordinari e sostenitori). I componenti del Consiglio direttivo decadono automaticamente nel caso siano assenti non giustificati a tre riunioni consecutive del Consiglio.

Art. 14 – Il Consiglio direttivo è l’organo esecutivo dell’associazione, si riunisce in caso di necessità ed è convocato:

  • dal Presidente;
  • da almeno 3 dei componenti, su richiesta motivata;
  • dai soci (soci fondatori, ordinari e sostenitori) su richiesta motivata e sottoscritta da almeno il 30% degli stessi.

Il Consiglio direttivo ha tutti i poteri di ordinaria e straordinaria amministrazione.

Nella gestione ordinaria i suoi compiti sono:

  • approva eventuale Regolamento interno;
  • predisporre gli atti da sottoporre all’Assemblea;
  • formalizzare le proposte per la gestione dell’Associazione;
  • elaborare il bilancio consuntivo che deve contenere le singole voci di spesa e di entrata relative al periodo di un anno;
  • elaborare il bilancio preventivo che deve contenere, suddivise in singole voci, le previsioni delle spese e delle entrate relative all’esercizio annuale successivo;
  • stabilire gli importi delle quote annuali delle varie categorie di soci;

Di ogni riunione deve essere redatto verbale che resta a disposizione dei Soci a semplice richiesta.

Art. 15 – Il Presidente dura in carica tre anni, è il legale rappresentante dell’Associazione e svolge le seguenti funzioni:

  • convoca e presiede il Consiglio direttivo;
  • sottoscrive tutti gli atti amministrativi compiuti dall’Associazione;
  • può aprire e chiudere conti correnti bancari e postali e procedere agli incassi;
  • conferisce ai soci procura speciale per la gestione di attività varie, previa approvazione del Consiglio direttivo.

Art. 16 – I Revisori o Organo di controllo è composto da due soci eletti dall’Assemblea al di fuori dei componenti del Consiglio direttivo. Dura in carica tre anni ed ha le seguenti funzioni:

  • verificare periodicamente la regolarità formale e sostanziale della contabilità;
  • redigere apposita relazione da allegare ai bilanci preventivo e consuntivo;
  • decidere insindacabilmente, entro trenta giorni dalla presentazione del ricorso, sulle decisioni di espulsione e sui dinieghi di ammissione.

Art. 17 – Lo scioglimento dell’Associazione è deliberato dall’assemblea straordinaria. Il patrimonio residuo dell’ente deve essere devoluto ad associazione con finalità analoghe o per fini di pubblica utilità, sentito l’organismo di controllo di cui all’art. 3, comma 190 della legge 23.12.96, n. 662.

Art. 18 – Le cariche elettive vengono svolte in modo totalmente gratuito.

Art. 19 – Per quanto non previsto dal presente statuto valgono le norme di legge vigenti in materia.

NORMA TRANSITORIA: entro un anno dalla data odierna sarà convocata Assemblea che nominerà il Direttivo definitivo e i Revisori; a tale Assemblea avranno diritto di voto tutti i soci,( fondatori, ordinari e sostenitori) che lo avranno maturato come da Regolamento interno o in mancanza di questo, iscritti da almeno  quattro mesi.

Art. 20 – Risultano essere soci fondatori della Associazione “Circolo della Pulce” i firmatari del presente statuto, i Signori: Ahmed Yasser,  Basso Alberto, Caccamo Maria, D’Amato Angela, Dellepiane Stefano, Modaffari Giancarlo, Molinaris Nadia Amalia, Papini Luca, Podestà Stefano, Raggio Giovanni, Baroni Rivieccio Franca, Panizzi Luca, Rettig Caterina.

 

 

1
Mar

Convocazione Assemblea Pubblica

Gentili Soci, Simpatizzanti e amici,

si comunica che è stata fissata per la data di martedì 15 Marzo 2011 ASSEMBLEA pubblica del Circolo della Pulce. L’assemblea si terrà presso la sala riunioni dell’Hotel Riviera alle ore 21; seguiranno a breve informazioni più dettagliate.

Ringraziando, ricordiamo che in tale Assemblea sarà anche votato il Direttivo definitivo del Circolo e i Revisori dei Conti.

Un saluto e un grazie a tutti.
Il Direttivo


18
Ott
Fac-Simile biglietto sottoscrizione a premi

Elenco biglietti vincenti della Lotteria pro-restauro S.Maria

1 LIBRO “999 l’ultimo custode” 1485
2 LIBRO “999 l’ultimo custode” 901
3 LIBRO “999 l’ultimo custode” 1554
4 LIBRO “999 l’ultimo custode” 2266
5 LIBRO “999 l’ultimo custode” 1598
6 LIBRO “999 l’ultimo custode” 2194
7 LIBRO “999 l’ultimo custode” 1868
8 LIBRO “999 l’ultimo custode” 1500
9 LIBRO “999 l’ultimo custode” 1872
10 LIBRO “999 l’ultimo custode” 1120
11 LIBRO di Sandro SANSO’ 1652
12 LIBRO di Sandro SANSO’ 1729
13 LIBRO di Sandro SANSO’ 1463
14 LIBRO di Sandro SANSO’ 401
15 LIBRO di Emilio CARTA 618
16 LIBRO di Emilio CARTA 1198
17 BORSA firmata CUSTO’ BARCELONA 1686
18 BORSA firmata CUSTO’ BARCELONA 1646
19 BUONO da 1Kg di gelato FRIGIDARIUM 337
20 BUONO da 1Kg di gelato FRIGIDARIUM 785
21 BUONO da 1Kg di gelato FRIGIDARIUM 1601
22 BUONO di €50 RISTORANTE ANTONIO 1624
23 MAGLIETTA Rinascimento 1632
24 SET Tigullio 303
25 LIBRO di Georgios KARALIS 1342
26 LIBRO di Georgios KARALIS 729
27 BUONO cena x2 Sapore di Mare 1053
28 VIDEO TELEFONO 1126
29 BUONO CENA PARK HOTEL SUISSE 2176
30 “SCATOLA pasticceria da tè assortita” 1970
31 BUONO DA €10 ORTOFRUTTA SERGIO 4
32 LIBRO ” CAMICI SPORCHI “ 1882
33 LIBRO ” CAMICI SPORCHI “ 2121
34 LIBRO ” CAMICI SPORCHI “ 1900
35 LIBRO ” CAMICI SPORCHI “ 1984
36 LIBRO ” CAMICI SPORCHI “ 97
37 LIBRO ” CAMICI SPORCHI “ 2321
38 LIBRO ” CAMICI SPORCHI “ 1589
39 LIBRO ” CAMICI SPORCHI “ 350
40 LIBRO ” CAMICI SPORCHI “ 7
41 LIBRO ” CAMICI SPORCHI “ 437
42 LIBRO ” IL SEME DELL’OBLIO” 1454
43 LIBRO ” IL SEME DELL’OBLIO” 1711
44 LIBRO ” IL SEME DELL’OBLIO” 120
45 LIBRO ” IL SEME DELL’OBLIO” 1899
46 LIBRO ” IL SEME DELL’OBLIO” 1039
47 LIBRO ” IL SEME DELL’OBLIO” 39
48 LIBRO ” IL SEME DELL’OBLIO” 2120
49 LIBRO ” IL SEME DELL’OBLIO” 545
50 LIBRO ” IL SEME DELL’OBLIO” 1407
51 LIBRO ” IL SEME DELL’OBLIO” 1481
52 BORSA DA SIGNORA WHY-NOT 1607
53 BORSA DA SIGNORA WHY-NOT 1859
54 BUONO Rist. Pizzeria Bella Napoli 1724
55 Biglietto “Whale Whaching” 8
56 Biglietto “Whale Whaching” 970
57 Biglietto “Whale Whaching” 1101
58 VASO da fiori in CRISTALLO 1014
59 BORSA SPORTIVA 1519
60 MONOPATTINO 598
61 BUONO € 20 SURGELATI 2273
62 MASCHERA DA SUB 1365
63 MASCHERA DA SUB 1505
64 TRAPANO 1538
65 BUONO aperitivo salottino 1496
66 BUONO convergenza 58
67 BUONO lavaggio 393
68 CONFEZIONE Prodotti bagno 1708
69 BUONO €20 “Semi di luce” 1880
70 BUONO €20 “Semi di luce” 1325
71 DECODER DIGITALE 232
72 STAMPA ANTICA di Rapallo 905
73 DUE BOTTIGLIE VINO 2278
74 PROFUMO 1027
75 SALAME 2161
76 SERVIZIO PIATTI da 6 163
8
Ott
Fac-Simile biglietto sottoscrizione a premi

Elenco premi sottoscrizione pro-restauri S. Maria

Il CIRCOLO della PULCE, in accordo con la PARROCCHIA di S. MARIA del Campo, PROMUOVE per VENERDI’ 15:
“CENETTA in COMPAGNIA pro RESTAURI S. MARIA del Campo” p
er contribuire al restauro del patrimonio artistico sfregiato dall’incendio del 9 giugno 2010
si RINGRAZIANO gli SPONSOR che hanno GENEROSAMENTE OFFERTO per la SOTTOSCRIZIONE a PREMI:

Fac-Simile biblietto sottoscrizione a premi

Fac-Simile biblietto sottoscrizione a premi

-dall 1 al 10 LIBRO “999 l’ultimo custode” di C.A. MARTIGLI offerti dalla casa editrice CASTELVECCHI EDITORE (sarà presente alla cena l’Autore per dedica personalizzata)
-11/14 LIBRO di Sandro SANSO’ offerti da ABITA IMMOBILIARE (sarà presente alla cena l’Autore per dedica personalizzata)
– 15/16 LIBRI offerti e SCRITTI da Emilio CARTA (sarà presente alla cena l’Autore per dedica personalizzata)
– 17/18 BORSA firmata CUSTO’ BARCELONA offerte dalla Boutique EXELLE di Piacenza
– 19/21 BUONO da 1Kg di gelato cad. offerti dalla Gelateria FRIGIDARIUM di Rapallo
– 22 BUONO di 50 euro per cena offerto dal RISTORANTE ANTONIO di S. Margherita Ligure
– 23 MAGLIETTA Rinascimento offerta dalla Boutique G&P Piazza Garibaldi, 6 Rapallo
– 24 SET Tigullio (grembiule, presina ecc) offerto da Matteo Tirelli
– 25/26 LIBRI offerti e scritti dallo scrittore Georgios KARALIS (sarà presente alla cena l’Autore per dedica personalizzata)
– 27 BUONO cena per due persone pizze dessert & bibite offerta da Yasser del Sapore di Mare
– 28 VIDEO TELEFONO della Telecom offerto da FAZZINI M. & C. SNC VIA MAMELI 123
– 29 BUONO cena per due infrasettimanale (no week end e feste tipo Natale ecc) al RISTORANTE SAN GALLO c/o PARK HOTEL SUISSE VIA FAVALE 31 SANTA MARGHERITA LIGURE
– 30 “SCATOLA pasticceria da tè assortita” FLAMIGNI gr. 375 offerta da BOTTEGA DEL CAFFE’ PAPILU’ via della Libertà 77
– 31 BUONO DA € 10.00 offerto dall’ ORTOFRUTTA SERGIO, via della Libertà 37
-32/41 LIBRO ” CAMICI SPORCHI ” del Dr Roberto SANTI offerti da EDITORE GAMMARO’ SETRI LEVANTE, (sarà presente alla cena l’Autore per dedica personalizzata)
– 42/51 LIBRO ” IL SEME DELL’OBLIO”
-52/53 BORSA DA SIGNORA DELLA DITTA WHY-NOT SESSAREGO RAPALLO CHIAVARI
-54 BUONO per pizza e bibita per due persone offerto dal Ristorante Pizzeria Bella Napoli-Rapallo
– 55/57 BIGLIETTO offerto dalla Cooperativa BATTELLIERI DEL Porto di Genova per gita “Whale Whaching” ovvero avvistamento cetacei (gite disponibili da aprile/maggio 2011)
-58 VASO da fiori in CRISTALLO offerto da Roncagliolo & Simonetti – Rapallo
-59 BORSA SPORTIVA offerta da Pendola Sport e Cicli, Via Libertà 42, Rapallo.
-60 MONOPATTINO offerto da Cartolibreria il PAPIRO, Via Mameli 231-233 Rapallo
-61 BUONO spesa da € 20,00 offerto da Surgelati Callà di via Mameli 70
-62/63 MASCHERA DA SUB offerte da ACD RUENTES 2010.
-64 TRAPANO avvitatore a batteria in valigetta Energy 12 offerto da AUTORICAMBI TASSARA Via della Libertà 69 Rapallo.
-65 BUONO per aperitivo offerto da Bar il Salottino, Corso Assereto 17 Rapallo.
-66 BUONO per una convergenza offerto da Autofficina Caccamo di Saverio Caccamo, via Latiro 68, Sestri Levante.
-67 BUONO per un lavaggio auto offerto da BBM di Bacigalupo Matteo e C. , Via Fieschi 16033 Lavagna.
-68 CONFEZIONE Prodotti bagno offerta da ERBORISTERIA SALUS Vico della Pista 2 Rapallo
-69/70 BUONO SPESA da € 20,oo offerti da “Semi di luce” negozio biologico di via Venezia Rapallo
– 71 DECODER DIGITALE offerto da ALFA COMPUTER Vico dell’Oro Rapallo
– 72 STAMPA ANTICA di Rapallo offerta da TIPOGRAFIA C-MEDIA di Nicoletta CANESSA
-73 DUE BOTTIGLIE VINO offerte da ROSTICCERIA BOTTO Luigi di P.za Garibaldi, 4 Rapallo
-74 PROFUMO offerto da PROFUMERIA ANNA Via Mazzini Rapallo
-75 SALAME da PARLA COME MANGI Via Mazzini Rapallo
-76 SERVIZIO PIATTI da 6 offerto da GALLERIA S. CAMILLO Rapallo

INOLTRE:
1 QUADRO A OLIO di WICKTOR NAAKE, alias ITALO RIVIECCIO, offerto dalla vedova del famoso Artista Rapallese, Franca Baroni Rivieccio, valore € 1500,oo che sarà messo all’asta tra i partecipanti alla cena con base asta € 50,00
GRAZIE VERAMENTE col CUORE a TUTTI coloro che contribuiranno: un PICCOLO gesto, fatto INSIEME per solidarietà, è sempre un GRANDE GESTO !
Costo del BIGLIETTO: € 1,oo
per PRENOTARE (€ 29 a persona) o ACQUISTARE un biglietto LOTTERIA (€ 1,oo) telefonare al Ristorante SAPORE di MARE 0185.52603 o presso Abita Imm.re 0185.60337
GRAZIE vi aspettiamo in tanti…

8
Ott

Cenetta in compagnia pro restauro S. Maria

Cenetta in compagnia pro restauro S. Maria

Vi aspettiamo…TUTTI… per conoscerci, passare una piacevole serata, e…contribuire a restaurare una delle opere danneggiate dall’incendio di giugno….. GRAZIE

7
Ott

Ruote e ratti per strade e parchi

4
Ott

Rapallo o Sparta?

Domenica scorsa, 3 ottobre, anche noi, nel nostro piccolo, abbiamo voluto celebrare l’ottava giornata nazionale per l’abbattimento delle barriere architettoniche. L’abbiamo fatto passeggiando per la nostra città con una persona temporaneamente su sedia a rotelle e una mamma con un passeggino, in modo da verificare e documentare cosa vuol dire non essere agili e in piena forma a Rapallo.

La conformazione del territorio ligure è la scusa più utilizzata per giustificare le gravi mancanze che la nostra città presenta in questo campo, ma in realtà è una questione culturale e civile. E’ indubbiamente impensabile che un disabile si possa arrampicare sulle colline percorrendo creuze e scalinate, ma la città in fondovalle dovrebbe essere perfettamente accessibile in ogni punto. Invece in tutto l’agglomerato urbano centrale, dal centro “più curato” alla periferia estrema, le strade sono un percorso di guerra: marciapiedi sconnessi o addirittura assenti, attraversamenti pedonali senza rampe di raccordo, strade con scalini “inutili”. Dobbiamo purtroppo constatare che la coscienza civile che nel ventunesimo secolo, in un Paese evoluto, dovrebbe essere patrimonio comune e che considera l’assenza di barriere architettoniche una cosa normale a Rapallo non è arrivata. E quando si parla di barriere architettoniche non ci si riferisce soltanto a chi ha la sfortuna di trovarsi su una sedia a rotelle: come detto ci ha accompagnato anche una madre che spingeva il passeggino del figlio, ma il problema è sentito anche dagli anziani, da chiunque abbia difficoltà a camminare. Lo abbiamo sperimentato: un disabile non accompagnato non riesce a spostarsi a Rapallo (e per farlo deve avere un accompagnatore aitante!). E spingere un passeggino è molto difficoltoso: gradini da salire e scendere, manovre millimetriche da fare quando si incrocia un altro passeggino in uno dei tanti marciapiedi stretti, mani ben salde da tenere entrambe sul manubrio per gestire la carrozzina tra le buche.

La conformazione del territorio, si diceva… ma cosa c’entra la ripidità delle colline con la mancanza di rampe di raccordo in corrispondenza degli attraversamenti pedonali? Ecco pronta l’altra scusa che di questi tempi va per la maggiore: il patto di stabilità! Non ci sono soldi. Ma il marciapiede di corso Italia, in corrispondenza delle “case storte” ora ricostruite, è stato appena rifatto: perchè non è stata fatta la rampa di raccordo? Non è questione di orografia nè di disponibilità finanziarie: manca la volontà di realizzare una città accessibile, manca l’attenzione per i più deboli. Lo si vede dai piccoli particolari: in molti casi anche in presenza delle rampe di raccordo queste finiscono con un gradino che per quanto basso possa essere è un ostacolo insormontabile per un disabile.

Questa nostra passeggiata aveva lo scopo di sensibilizzare la cittadinanza e, soprattutto, l’Amministrazione Comunale affinchè siano cancellati tutti gli ostacoli che si presentano in città. Non rimarrà una cosa fine a sè stessa: a breve produrremo una cartografia su cui saranno riportati tutti i punti critici ed essa sarà trasmessa agli uffici comunali. Invitiamo inoltre tutti i cittadini a segnalarci le altre barriere architettoniche esistenti negli altri quartieri, in modo che la cartografia possa venire in seguito completata ed aggiornata e si arrivi ad una città più vivibile.

Il Direttivo del Circolo della Pulce.

 

4
Ott

“A Rapallo le strade del centro sono un percorso di guerra”

Lo afferma il Circolo della Pulce, che domenica ha fatto un esperimento girando per la città in compagnia di una persona su una sedia a rotelle e di una mamma con passeggino.
Domenica scorsa il Circolo della Pulce ha celebrato a Rapallo l’ottava giornata nazionale per l’abbattimento delle barriere architettoniche. Lo ha fatto passeggiando per la città con una persona temporaneamente su una sedia a rotelle e una mamma con un passeggino. Poco edificante il risultato. “In tutto l’agglomerato urbano centrale – commenta il direttivo del Circolo – le strade sono un percorso di guerra: marciapiedi sconnessi o addirittura assenti, attraversamenti pedonali senza rampe di raccordo, strade con scalini inutili”. Secondo il Circolo della Pulce, dunque, un disabile non accompagnato non riesce a spostarsi per Rapallo e spingere un passeggino è molto difficoltoso. A breve verrà prodotta una cartografia con tutti i punti critici che il Circolo trasmetterà agli uffici comunali.
Redazione Radio Aldebaran – www.radioaldebaran.it Tutti i diritti riservati

4
Ott

Rapallo, troppi marciapiedi sono “proibiti” ai disabili

Il Secolo XIX (4.10.2010)

30
Set

Rapallo, quel depuratore non va giù

Dopo le spiegazioni dei tecnici in consiglio comunale, il Circolo della Pulce è ancora critico: “Gli altri siti posibili sono stati esaminati solo nell’ottica di confermare il progetto di via Betti”.
Malgrado il voto favorevole del consiglio comunale, a Rapallo non si chiude la polemica sulla scelta di via Betti come sito dove realizzare il futuro depuratore, con lavori, sulla carta, previsti già alla fine di quest’anno. A schierarsi al fianco dei residenti, che protestano vivacemente, è il Circolo della Pulce, che commenta: “Dobbiamo riscontrare che lo studio sui siti alternativi è stato condotto in modo chiaramente mirato a giustificare la scelta di via Betti: sono stati approfonditi siti chiaramente non idonei, come il campo Macera, la zona dei bagni Lido, l’area attigua alla prima buca del golf, mentre altri siti che meritavano maggiore considerazione sono stati liquidati in poche battute. Soprattutto mancava una dettagliata e ampia verifica economica delle diverse soluzioni”.
Redazione Radio Aldebaran – www.radioaldebaran.it Tutti i diritti riservati

30
Set

Depuratore di Via Betti, il Circolo della Pulce precisa

«Ieri sera finalmente il Comune ha reso pienamente pubbliche le proprie intenzioni e i dati del progetto del depuratore in via Betti. I tecnici di IRES hanno ampiamente esposto tutti gli aspetti legati all’opera prevista. Purtroppo, però, dobbiamo riscontrare che lo studio sui siti alternativi è stato condotto in modo chiaramente mirato a giustificare la scelta di via Betti: sono stati approfonditi siti chiaramente inidonei (campo Macera, zona dei bagni Lido, area attigua alla prima buca del Golf) mentre altri siti che meritavano maggiore considerazione sono stati liquidati in poche battute. Soprattutto mancava una dettagliata e ampia verifica economica delle diverse soluzioni: creare una condotta per decentrare il depuratore costa davvero di più dei lavori speciali necessari per inserirlo tra le case e la ferrovia, interrandolo completamente? Tutto il ragionamento rispetto a tale questione è stato ridotto al “se mi sposto devo portarci i tubi, mentre in via Betti arrivano già i tubi della fognatura e ho già il tubo che butta tutto in mare”. Sinceramente ci pare troppo semplicistico e miope, stiamo parlando di un opera da quasi 40 milioni di euro! E’ assolutamente mancata un’analisi delle implicazioni urbanistiche dell’opera. Spostare anche la parte di impianto oggi già presente costa, ma attuando questo spostamento si potrebbero ricavare circa 100 posti auto coperti praticamente a costo zero. E’ stata presa in considerazione questa voce positiva nel bilancio globale dell’opera? Plaudiamo agli esponenti della minoranza che sono intervenuti tutti in modo chiaro e preciso, nel poco tempo a loro disposizione e li invitiamo a collaborare per cercare una soluzione alternativa. Sì, una soluzione alternativa, un altro sito idoneo che non sia via Betti. Perchè nonostante il terrorismo che l’Amministrazione fa sulla tempistica di realizzazione dell’opera non è vero che nel 2015 scatterà automaticamente la sanzione da parte dell’Unione Europea: il tempo a disposizione non è infinito, ma nonostante i mesi persi da questa Amministrazione con la sua condotta omertosa e poco trasparente (l’esposizione del progetto è avvenuta in un consiglio straordinario richiesto dalla minoranza!!) si può ancora tranquillamente rivedere l’ubicazione dell’opera e fare il relativo progetto. Abbiamo interpellato funzionari della Commissione di Bruxelles e ci hanno spiegato cose molto interessanti che provvederemo a breve ad inserire in un comunicato più dettagliato».

23
Set

La “Pulce” regala trappola per topi al consigliere Cianci

Il secolo XIX (23.09.2010)