Salta al contenuto

Articoli taggati ‘direttivo’

2
Nov

Valle del Tuja: la Storia non può essere demolita

La Storia non può essere demolita.
La Valle del Tuja a Rapallo, è forse una delle poche vallate rimaste incontaminate, conosciuta come la Valle dei Mulini perché proprio grazie al Rio Tuja qui sorsero,  in gran numero  lungo le sponde. Ancor oggi ne esistono di funzionanti  e ben conservati , un agglomerato storico che risale  ad almeno 400 anni fa e che con decreto Ministeriale del 25.03.2005 è stato inserito nei Siti di Interesse  Comunitari della Liguria.  Ebbene anche in questa Valle sta per consumarsi , come per le “Case di Noè” la distruzione di un manufatto di pregio, che fa parte della storia, che anche se non fosse un mulino è un edificio storico, parte sostanziale di questa valle. Vincolo architettonico  o non vincolo,  norme urbanistiche o non,  non è concepibile che si  debba riscrivere un nuovo  “Silenzio degli innocenti” senza poter intervenire prima di un delitto storico. A noi non interessa quale sarà lo strumento che questa Amministrazione adopererà per bloccarne la demolizione, che sia tecnico o politico poco ci importa, noi chiediamo che con ogni mezzo questa Amministrazione  dimostri  di essere “sovrana” sul proprio territorio, sensibilizzando  anche la Regione per ciò che gli compete,  affinchè si  riempia il vuoto dello spazio in cui nuotano interpretazioni che permettano  in “piena legalità” la distruzione della storia.

Non vogliamo addentrarci nuovamente dentro i meandri del Piano Casa,  che ci riserviamo eventualmente di  approfondire in seguito se sarà il caso,  anche perché  sarebbe  poco comprensibile per molti ed obbiettivamente non ci compete, vogliamo solo dei risultati.

Sottolineiamo nuovamente il  fatto  che,  permettere questa demolizione  significherebbe  creare  il precedente  per  rendere demolibili  tutte le costruzioni a poche decine di metri  dai corsi d’acqua, INDISCRIMINATAMENTE , qualunque esse siano,  come in questo caso,  EDIFICI di PREGIO,  che sarebbero salvati solo da un  vincolo monumentale specifico e che non ricadono in zone inondabili, come storicamente  i nostri vecchi ci hanno dimostrato con le costruzioni di questa  Valle dei Mulini, che con i loro  400 anni non sono mai state allagate dal Rio.

una immagine dei Mulini

e una immagine della Valle di come è, ancora incontaminata

….

e un po’ di storia tratta dal sito del Sestiere Seglio

Nel territorio del sestiere Seglio vi é una tra le ultime val­late, quasi del tutto incontaminate, di Rapallo, quella del Tuia. Questo sito dichiarato di interesse comunitario com­prende l’area tra il Rio Tuia e Montallegro e si estende per circa 500 ettari sviluppandosi su una fascia altitudinale che va dai 200 ai 670 m di quota. Ha origine da due implu­vi posti a sud del Monte Rosa e ad ovest del Monte Castel­lo che si uniscono a quota 275, poco ad est della localita’ Castruzzo, unico piccolo nucleo insediativo. La valle del torrente Tuia, pur essendo a diretto contatto con la fascia costiera e con la città, é rimasta sostanzialmente estra­nea alla crescita urbana, e presenta lungo il suo breve corso un microclima che ha favorito il proliferare di una flora e fauna molto particolare e fragile. Numerose sono le specie di orchidee, e compaiono anche varie crittogame, tra cui licheni e muschi rari. Sul piano faunistico, sono interessanti le specie legate agli ambienti umidi: tra quel­le endemiche ricordiamo la salamandrina dagli occhiali, la rana appenninica, il geotritone e il coleottero Troga­ster Gestroi. Protette da norme europee o regionali sono la salamandra, la natrice viperina e la rana punteggiata, piccolo anfibio estremamente raro e minacciato in Italia. Lungo il Tuia nascono sorgenti attive tutto l’anno e che danno acqua in continuazione al torrente; è per questo che la valle ospitava nel passato maestosi mulini ad acqua, per cui era chiamata la Valle dei Mulini; vi si trova tra le altre, la fontana “Pigogiosa” la fonte di Canepa e la fontana di “Loea”. Tra i vecchi mulini quello della famiglia Pastene é oggi un’attrattiva della zona ed é ancora in funzione, mentre vi sono tutti intorno i ruderi di antichi mulini tra cui quello nei dintorni di casa Campodonico, i mulini Co’, e tanti altri. Nell’alta Valle Tuja, lungo la mulattiera che collega il Santuario di Montallegro con Sant’Ambrogio, in località “Ciappoeia” un tempo esisteva una piccola cava di ardesia. La vallata nella sua integrità merita quindi una visita, ma che sia discreta.

stralcio della Gazzetta Ufficiale n. 157  dell’ 8 luglio 2005  in cui il sito della Valle del Tuja viene inserito negli elenchi dei Siti di Interesse Comunitari dopo decreto Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio del  25 marzo 2005.


12
Apr

Convocazione Assemblea Ordinaria dei Soci

A tutti i gentili Soci del Circolo della Pulce,

Oggetto: Convocazione Assemblea Ordinaria dei Soci
Si comunica che l’ Assemblea in oggetto avrà luogo presso la saletta interna del Ristorante Sapore di Mare (Lungomare Vittorio Veneto 32) in data 27 Aprile 2016 alle ore 00,10 in prima convocazione, e GIOVEDI’ 28 APRILE p.v. DALLE ORE 18:30 IN SECONDA CONVOCAZIONE, per discutere e deliberare sul seguente

ORDINE DEL GIORNO

  1. Approvazione bilancio consuntivo 01.01.2015 – 31.12.2015
  2. Approvazione bilancio preventivo 01.01.2016 – 31.12.2016
  3. Un anno di Circolo
  4. Varie ed eventuali

Ringraziando tutti coloro che vorranno partecipare personalmente si ricorda a chi non potesse intervenire che potrà farsi rappresentare da altro Socio che ne abbia i requisiti, munito di semplice delega. Si ricorda anche che il Circolo, per tutto ciò che fa, ha come unica entrata il ricavato delle iscrizioni, per questo mi permetto di rammentare a chi non lo avesse ancora fatto, il versamento della quota per l’anno  2016 (Euro 15,00 se unico iscritto- Euro 10,00 se più iscritti dello setesso nucleo famigliare).  Cordiali saluti

Il Presidente
Eleonora Mastellone

 Associazione Culturale Apartitica senza scopo di lucro “CIRCOLO della PULCE” fondata il 04 Giugno 2010 – Rapallo – Via Langano, 32 C.F.: 91043450104

DELEGA di RAPPRESENTANZA e VOTO:

Oggetto: delega.

Io sottoscritto/a (Cognome/Nome Socio delegante) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

impossibilitato/a ad intervenire all’Assemblea dei Soci che si terrà il giorno 28.04.2016 presso la Saletta interna del Ristorante Sapore di Mare – Lungomare, Rapallo –  dalle ore 18,30 alle 22,30

DELEGO

il/la Socio/a. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

a rappresentarmi all’Assemblea stessa e nelle eventuali decisioni coseguenti il punto 4) dell’ O.d.G.

Fin da ora preciso di approvare pienamente il suo operato.

Cordiali saluti.

. . . . . . . . . . . . . . . , lì . . . . . . . . . . . . . . . .

(luogo) (giorno/mese/anno)

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

(firma del Socio delegante o mail accompagnatoria di autorizzazione)

Per convalida

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

(Il Presidente)

N.B.:un Socio può farsi rappresentare, nell’Assemblea, da un altro Socio che abbia diritto al voto.

….

BILANCIO 2015 e preventivo 2016

…UNA PICCOLA NOTA: Abbiamo organizzato due eventi e di grande successo, senza scopo di lucro dei quali hanno potuto goderne tutti in modo gratuito, ove anche l’Amministrazione ne ha avuto comunque un ritorno di successo, questi  sono costati in media Euro 2250 cad. ma dove le tasse (suolo pubblico, affissione ecc.)  hanno inciso per ben 1200 Euro, ovvero il 26,67% circa (nonostante il Patrocinio del Comune le dimezzi) . Io credo che quando qualunque Associazione, senza scopo di lucro, organizza un evento (che esuli dalla vendita) di cui TUTTI possono usufruire in modo GRATUITO, dovrebbe essere esentata dal pagamento del SUOLO PUBBLICO e in caso di eventi musicali anche della SIAE  visto che anche l’Amministrazione (qualunque essa sia) ne ha un ritorno di “successo” (Nadia Molinaris)

BILANCIO 2015 e preventivo 2016 rosso

….

UN ANNO di CIRCOLO:

Gennaio 2015/gennaio 2016 (lavoro svolto dal Circolo della Pulce nell’ultimo anno)
1- Dopo l’ottenimento del VINCOLO MINISTERIALE della nostra Mulattiera per Montallegro , abbiamo portato avanti e seguito tutto l’iter riguardante la battaglia dei PANNELLI ABUSIVI sulla stessa Mulattiera (durato 5 anni) che ha richiesto tempo, impegno e tenacia
2- Abbiamo organizzato campagna di raccolta fondi per gli Alluvionati del Tigullio stampando anche cartoline e materiale di sensibilizzazione alla SOLIDARIETA’, raccogliendo quasi 3000 Euro
3- Abbiamo portato e consegnato di persona nelle mani di chi aveva bisogno, le somme, dando un piccolo aiuto a quattro famiglie di Carasco, Leivi e San Colombano (alle quali non era stato dato nulla istituzionalmente) e alla ProtezioneCivile di Carasco- S.Colombano .
4- Siamo scesi al fianco dei residenti Via Rocche di S. Maria al fine di spingere l’Amministrazione a ridurre i tempi burocratici riguardanti il ripristino della loro strada crollata per l’alluvione
5- Ci siamo fatti portavoce del concittadino Giovanni Pernigotti al fine di realizzare, cosa avvenuta, il suo desiderio di rivedere la villa-prigione in cui era stato imprigionato in tempo di guerra a Portofino
6- Abbiamo studiato e pianificato il difficile blocco del TRAFFICO cittadino per organizzare la PRIMA DOMENICA ECOLOGICA e per la prima volta abbiamo fermato in Piazza Cile i BUS turistici, chiuso al traffico tre Vie importanti come Via della Libertà, Corso Matteotti e Corso Italia trasformando il tutto in un evento,da noi coordinato a costo zero per il Comune e con grande successo sia mediatico che di partecipazione
7- Abbiamo dimostrato che si può intervenire sulla VIABILITA’ fermando per la prima volta i Bus turistici in Piazza Cile, chiudendo al traffico tre Vie importanti come Via della Libertà, Corso Matteotti e Corso Italia senza creare criticità e, forti del risultato, abbiamo sollecitato l’Amministrazione a sperimentare diversi percorsi veicolari ripresentando il nostro “piano di sensi unici”
8- Siamo RIUSCITI nell’intento prefissatoci e a giugno sono stati SMANTELLATI i PANNELLI ABUSIVI che deturpavano la nostra storica Mulattiera.
9- Siamo riusciti a realizzare il SOGNO di Giovanni Pernigotti che il 2 luglio ha potuto tornare alla Villa in cui era stato imprigionato, accolto dai nuovi proprietari i Signori Savinelli, accompagnati dal Sindaco di Portofino, il Sindaco di Rapallo e Roberto Bagnasco che ben conosceva i protagonisti della storia
10- Abbiamo denunciato con coraggio la MANCANZA di TUTELA dell’antico Borgo CASE di NOE’ chiedendone al Ministero e alla Regione la sua preservazione e agli Uffici Comunali spiegazioni delle apparenti incongruenze (iter che seguiremo con atti conseguenti e porteremo a conclusione come quello per la Mulattiera)
11- Abbiamo organizzato la giornata “Bambini in Libertà” promuovendo attraverso la socializzazione ed un percorso ludico, la CULTURA delle arti della musica, del disegno e degli antichi mestieri, sensibilizzando ad un diverso stile di vita che preveda sport, una diversa mobilità e cibi a Km. Zero, a costo zero per il Comune e con grande successo sia mediatico che di partecipazione
12- Insieme a Fiab Vivinbici abbiamo spronato (ed ottenuto) l’Amministrazione ad aderire alla “Settimana Europea della mobilità sostenibile” con l’intento che dopo l’adesione si passi anche a fatti concreti sul tema (che continueremo a seguire)
13- Abbiamo organizzato un incontro col Sindaco Carlo Bagnasco, l’Assessore ai lavori pubblici Arduino Maini e il Consigliere Eugenio Brasey sul tema Cultura, al fine tra l’altro, di sollecitare l’Amministrazione a valutare un accorpamento dei due musei, Merletto e Gaffoglio ed una più idonea collocazione e comunque una maggior visibilità, ne è seguito un sopralluogo presso i Musei , le possibili soluzioni sono ancora al vaglio
14- Abbiamo denunciato la grave pericolosità di una “PORTA APERTA” in Autostrada e della mancanza della recinzione
15- Abbiamo sollecitato su richiesta degli abitanti, il ripristino di una importante pedonale di collegamento tra Via Torre Dondero e Via S. Pietro
16- Abbiamo partecipato ad un incontro in Regione invitati dal Dott. Arch. Dino Biondi, Dirigente del Settore Pianificazione territoriale e Tutela del Paesaggio per illustrare la nostra richiesta di salvaguardia degli antichi Borghi che è stata presa in alta considerazione
17- Siamo stati esortati ed invitati dall’ Arch. Pier Paolo Tomiolo, Direttore Generale del Dipartimento, che inoltre ci ha garantito per iscritto, la piena considerazione di quanto richiesto “ di voler cortesemente indicare anche altre situazioni territoriali presenti nel Comune di Rapallo meritevoli di tutela paesaggistica laddove questa non sia già operante”
18- Abbiamo lanciato un appello ai cittadini (che stanno rispondendo) proprio col fine di stendere un elenco di luoghi meritevoli di tutela
19- Da settimane ( ma è ancora prematuro parlarne) individuato un Bando che poteva essere importante per la nostra Città,  stiamo organizzando e partecipando a riunioni, presenti anche rappresentanti dell’Amministrazione e degli Uffici interessati per accedere a finanziamenti a fondo perduto finalizzati alla valorizzazione del Patrimonio Culturale e storico, pratica ancora in itinere
In sintesi: Ambiente, Patrimonio storico culturale, Salute, Abusivismo edilizio, Solidarietà, Ascolto dei Cittadini, Burocrazia, Traffico, Viabilità, Eventi e Cultura. Il tutto con particolare attenzione alla Qualità della Vita e della Città nel SUO INSIEME, senza entrare nella vecchia logica “degli orticelli”.

Qualche immagine di un anno di Circolo:

….

riunione direttivo circolo 2

29
Feb

(8) Illustrissimi Sindaco e Presidente del Consiglio…

Al Sindaco Carlo Bagnasco,
al Presidente del Consiglio Comunale Mentore Campodonico,
agli Assessori,
ai Consiglieri Comunali e
ai Dirigenti Uffici di Competenza

Oggetto: Impegno di salvaguardia immobili di interesse storico culturale, paesaggistico
Premesso
che il Circolo della Pulce sta conducendo tra le ultime battaglie quella della tutela dei borghi storici e nello specifico quella per i Borghi Case di Noè e di Gravero;
che per tutelarli ci siamo rivolti alla Regione al fine di apporvi il vincolo Paesaggistico;
che come da incontro con il Dirigente Settore Pianificazione territoriale e Tutela del Paesaggio abbiamo avuto rassicurazioni che tale vincolo sarà allargato alle zone da noi segnalate;
che lo stesso Direttore Generale del Dipartimento Arch. Pier Paolo Tomiolo ci ha esortato ad inviare un elenco di zone in cui, a nostro giudizio, sarebbe indispensabile apporre eventuali nuovi vincoli;
che pur essendo al momento soddisfatti dei provvedimenti presi da codesta Amministrazione nello stilare l’elenco delle zone da escludere dall’applicazione dell’Art.4 del Piano Casa
chiede
Visto che l’esclusione dall’applicazione dell’Art. 4 piano casa, non preserva (in assenza di altri vincoli) dalle demolizioni e ricostruzioni, ma solo dall’applicazione dell’ampliamento volumetrico,
che sia tenuto in debito conto e caso per caso, la possibilità di applicare tutti quegli strumenti che ne possano tutelare il restauro conservativo ed impedire la demolizione di edifici che devono essere considerati testimoniali, andando anche in deroga, là ove possibile, a norme che paradossalmente “impongano” demolizioni o intonaci invasivi, partendo quindi dal presupposto della conservazione e tutela dell’ambiente, senza trincerarsi dietro alla frase “è previsto dalle norme”.
In particolare ci rivolgiamo al Sindaco Carlo Bagnasco e al Presidente del Consiglio Mentore Campodonico, affinchè dichiarino espressamente nel Consiglio Comunale del 1° marzo tale volontà e impegno, da comunicare ed estendere agli Uffici di competenza.
Ringraziando, si allegano le nostre osservazioni sul “Piano Casa”

Rapallo, 27 Febbraio 2016
Circolo della Pulce
(il Presidente Eleonora Mastellone)
….

protocollo piano casa pulce

 

vedi anche:

7) http://www.circolodellapulce.it/pulce/piano-casa-cio-che-va-cio-che-non-va-e-il-paradosso.html

(6) http://www.circolodellapulce.it/pulce/un-altro-passo-avanti.html

5) http://www.circolodellapulce.it/pulce/case-di-noe-i-cittadini-rispondono-entusiasti.html

4) http://www.circolodellapulce.it/pulce/case-di-noe-verso-la-vittoria.html

3) http://www.circolodellapulce.it/pulce/verbale-riunione-del-2512016-co-regione-liguria-oggetto-borgo-case-di-noe-comune-di-rapallo.html

2) http://www.circolodellapulce.it/pulce/case-di-noe-prosegue-la-battaglia-per-la-tutela-dellantico-borgo.html

1) http://www.circolodellapulce.it/pulce/salviamo-dalle-demolizioni-lantico-borgo-case-di-noe.html

….

 

12
Giu

Circolo della Pulce: Nuovo Direttivo e saluto del nuovo Presidente

Quale nuovo Presidente, saluto e ringrazio tutti i Soci che mi hanno votato ed il Direttivo che mi ha eletto, impegnandomi sin da ora a portare avanti gli impegni del nostro Circolo che da 5 anni è occhio attento e propositivo della Città, mantenendo fede ai principi fondanti che si riassumano nella trasparenza e nell’ascolto delle opinioni di ciascuno e nell’anteporre l’interesse della Città a quello della semplice e spesso inutile visibilità finalizzata solo alla conquista di una “poltrona”.

Eleonora Mastellone

Si comunica che si è svolta l’Assemblea annuale degli iscritti dell’Associazione Culturale Circolo della Pulce, tra i punti all’O.D.G si è provveduto anche al rinnovo del Consiglio Direttivo dell’associazione e degli organi sociali.
Il nuovo Consiglio direttivo è quindi composto da: Nadia Amalia Molinaris, Eleonora Mastellone, Giancarlo Modaffari, Carlo A. Martigli, Yasser Ahmed, Massimo Simonetti, Caterina Longo.
Per i Revisori: Piero Cevasco e Tiziana Peirano
Nel corso della prima riunione del Consiglio direttivo, sono state votate le cariche sociali : Presidente Eleonora Mastellone, Vice Presidente Giancarlo Modaffari, Segretaria Caterina Longo, Rapporti coi Soci, esterno e Stampa Nadia Molinaris, Responsabile Cultura Carlo A. Martigli, Responsabile Urbanistica e Territorio Massimo Simonetti , Responsabile problematiche Commercio Yasser Ahmed, Responsabile Ambiente e Sociale Giancarlo Modaffari. In conclusione serata, i presenti, per acclamazione, hanno conferito il titolo di Presidente onorario alla Pulce (Nadia Molinaris). E’ stata confermata l’istituzione di un gruppo ristretto di lavoro, composto da coloro che daranno una maggior disponibilità, che affiancherà il nuovo Direttivo segnalando e scegliendo argomenti e priorità da affrontare.
A breve tale gruppo e il nuovo Direttivo si riuniranno per analizzare, decidere e comunicare le linee da seguire anche in forza della nuova Presidenza.
Ricordando che il Direttivo presta la sua opera in forma volontaria e senza alcun emolumento e che ogni iniziativa del Circolo, che è senza scopo di lucro, si finanzia esclusivamente con le quote di iscrizione, si invitano amici e simpatizzanti ad iscriversi o sostenerci comunicandolo via e-mail a o telefonando al 320 0610660. Grazie
Il Presidente
Eleonora Mastellone
(www.circolodellapulce.it)

 

Circolo della Pulce_direttivo e presidenza

circolo della pulce ele presidente

eleonora mastellone Presidente Circolo Pulce

3
Mar

Delibera QUOTE Associative

riunione direttivo circolo 2

Questa sera 3 marzo 2015 ore 21.00, si è riunito il Direttivo, allargato al gruppo di lavoro, presso la saletta interna del Sapore di Mare. In tale riunione si è deliberata la presente modifica:
Per il 2015, visto il perdurare della crisi economica, la quota associativa del Circolo sarà di Euro 10,oo se l’iscritto è più di uno e appartenente allo stesso nucleo familiare. Resta a 15,oo Euro per il socio ordinario singolo e ad offerta libera per i soci simpatizzanti.

28
Mar

Statuto del Circolo della Pulce

STATUTO Associazione Culturale “CIRCOLO della PULCE”

Premesso:

che il “Circolo della Pulce” è apartitico e  chi aderisce deve RISPETTARE le opinioni di ognuno mettendosi in ascolto, PER il rispetto del fine, NEL rispetto delle persone, COL rispetto dei fatti, siano questi compiuti dal singolo socio o dal Circolo;

che la premessa è parte integrante e sostanziale dello statuto:

Art. 1- In data quattro Giugno duemiladieci, in Rapallo

E’ costituita l’Associazione culturale denominata “CIRCOLO della PULCE” con sede in Rapallo Via LANGANO, 32. Essa è un’associazione di fatto, indipendente,  apartitica, con durata illimitata nel tempo e senza scopo di lucro, regolata a norma del Titolo I Cap. III, art. 36 e segg. del Codice Civile, nonché del presente Statuto.

Art. 2 – L’Associazione si prefigge di:

  • promuovere la vita sociale, la cultura, le tradizioni, gli avvenimenti , che interessano la società moderna in genere, con particolare attenzione a quelli riguardanti la propria città  svolgendo la propria attività prevalentemente nell’ambito cittadino, provinciale o regionale.
  • rappresentare le  aspirazioni della popolazione del territorio;
  • tenere informata la popolazione e offrire a chiunque, nel rispetto delle pari opportunità, la possibilità di esprimere le proprie opinioni sugli argomenti sopra elencati; facilitare e incentivare la circolazione di idee e progetti per una comune crescita civile, umana, socio-economica e politica che rappresenti le aspirazioni della popolazione del territorio

 

Art. 3 – L’Associazione “Circolo della Pulce” intende raggiungere i suoi fini:

  • curando e promuovendo  momenti di incontro, di discussione e di collaborazione con  organizzazioni Sociali, Sportive, Culturali, di Volontariato,  di Categoria, Politiche o comunque atte al raggiungimento del fine.

 

Art. 4 – L’Associazione “Circolo della Pulce ” è aperta a tutti coloro che, interessati alla realizzazione delle finalità indicate nell’art. 2, desiderino offrire la propria collaborazione e che abbiano i requisiti  richiesti; non possono iscriversi coloro che, al momento della domanda, risultino iscritti ad un partito politico o  siano esplicitamente attivi in favore di un partito politico o che siano sottoposti alle restrizione previste dall’Art.2 del DPR del 20.03.67 (norme disciplina elettorato)

  • Risultano soci fondatori tutti coloro che hanno sottoscritto il presente statuto.
  • Sono soci ordinari tutte le persone maggiorenni che, avendone i requisiti e  intendendo aderire all’associazione, presentano la propria richiesta al Consiglio direttivo e si impegnano sia al versamento della quota annuale, che alla collaborazione effettiva alle attività promosse dall’associazione.
  • Sono soci sostenitori i soci ordinari che verseranno liberamente una quota superiore a quella prefissata.
  • Sono soci simpatizzanti, tutti coloro che, non avendo i requisiti richiesti nel presente articolo, al momento della presentazione della domanda di iscrizione, aspirino a diventare soci ordinari, o diano un significativo contributo alla crescita del circolo e/o al raggiungimento dello scopo. Tali soci parteciperanno solo alle riunioni aperte a tutti o a quelle in cui il Direttivo avrà espresso parere favorevole, tali soci, saranno tenuti a versare  quote libere. I soci simpatizzanti non hanno diritto di voto in assemblea.
  • Sono soci onorari, tutti coloro, individuati in persone od enti, che in qualsiasi modo contribuiranno efficacemente al raggiungimento delle finalità nominati dal Direttivo; i soci onorari non hanno diritto di voto in assemblea.
  • La quota non è trasmissibile  e non è soggetta a rivalutazione.

Art. 5 – L’ammissione come soci ordinari a coloro che ne fanno richiesta mediante domanda scritta, è deliberata dal Consiglio direttivo. In caso di non ammissione è concesso appello, entro 30 giorni, all’organo di controllo.

Art. 6 – Tutti i soci sono tenuti a rispettare le norme del presente statuto e l’eventuale regolamento interno, secondo le deliberazioni assunte dagli organi preposti. In caso di comportamento difforme, che rechi pregiudizio agli scopi, al patrimonio dell’associazione o agli stessi soci, il Consiglio direttivo dovrà intervenire ed applicare le seguenti sanzioni: richiamo, diffida, espulsione dall’Associazione.

I soci espulsi possono ricorrere all’organo di controllo per iscritto entro trenta giorni dalla data del provvedimento.

Art. 7 – Tutti i soci, fondatori, ordinari e sostenitori, hanno diritto di voto, se in regola col versamento delle quote,  per l’approvazione e le modificazioni dello statuto e dei regolamenti e per la nomina degli organi direttivi dell’associazione. Il diritto di voto si matura come da Regolamento interno o in mancanza di questo dopo quattro mesi di iscrizione.

Art. 8 – Le risorse economiche dell’associazione sono costituite:

  • dalle quote associative;
  • da contributi da parte di enti o privati.

La quota associativa annuale è stabilita dal Consiglio direttivo. Eventuali contributi straordinari sono stabiliti dall’assemblea, che ne determina l’ammontare.

Le elargizioni in danaro, le donazioni e i lasciti, sono accettate dal Consiglio Direttivo che è tenuto a informarne l’assemblea unitamente al loro impiego.

È vietato distribuire, anche in modo indiretto, utili o avanzi di gestione nonché fondi, riserve o capitale durante la vita dell’Associazione, salvo che la destinazione o la distribuzione non siano imposte dalla legge.

Art. 9 – L’anno finanziario inizia il 1° gennaio e termina il 31 dicembre di ogni anno.

Il Consiglio direttivo deve redigere i bilanci preventivo e consuntivo. Tali bilanci devono essere approvati dall’Assemblea ordinaria ogni anno entro il mese di aprile.

Essi devono essere depositati presso la sede dell’Associazione entro i 15 giorni precedenti la seduta per poter essere visionati dai soci che intendono consultarli.

Art. 10 – Gli organi dell’Associazione sono:

  • l’Assemblea dei soci; (soci fondatori, ordinari e sostenitori)
  • il Consiglio direttivo;
  • il Presidente;
  • i Revisori o Organo di controllo.

. Art. 11 – L’Assemblea dei soci, assicura una corretta gestione dell’Associazione ed è composta da tutti i soci fondatori, ordinari e sostenitori,  ognuno dei quali ha diritto ad un voto, qualunque sia il valore della quota, se in regola col versamento della quota stessa,  le votazioni, salvo decisioni straordinarie del Direttivo, saranno espresse in modo palese.

Essa è convocata almeno una volta all’anno in via ordinaria, ed in via straordinaria in caso di richiesta del Consiglio direttivo o da almeno un terzo degli associati (soci fondatori, ordinari e sostenitori)

L’assemblea, sia ordinaria che straordinaria, è valida e delibera in prima convocazione con la presenza e col voto favorevole della maggioranza dei soci; in seconda convocazione la validità prescinde dal numero dei presenti.

La convocazione avviene mediante avviso pubblico affisso all’albo della sede almeno 15 giorni prima della data prevista per l’assemblea o con altri mezzi idonei per lo scopo.

Delle delibere assembleari deve essere data pubblicità mediante affissione all’albo della sede del relativo verbale o con altri mezzi idonei per lo scopo.

Art. 12 – Oltre ad esercitare le funzioni amministrative l’assemblea ordinaria ha i seguenti compiti:

  • elegge il Consiglio direttivo e i Revisori;
  • approva i bilanci preventivi e consuntivi;

L’Assemblea straordinaria delibera sulle modifiche dello Statuto e sull’eventuale scioglimento dell’Associazione.

All’apertura di ogni seduta l’assemblea elegge un presidente ed un segretario che dovranno sottoscrivere il verbale finale.

Il presidente dell’assemblea è nominato dall’assemblea stessa oppure presiederà il presidente del Consiglio Direttivo ed in caso di impedimento il Vice-Presidente, il quale è assistito dal Segretario. Nell’occasione di rinnovo delle cariche sociali sarà assistito anche da due scrutinatori scelti dal Presidente fra i soci intervenuti all’Assemblea. Spetta al Presidente concedere il diritto di intervento e constatare la regolare costituzione dell’Assemblea. Delle riunioni dell’Assemblea verrà redatto processo verbale, firmato dal presidente e dal Segretario.

Art. 13 – Il Consiglio direttivo è composto da  7 membri, eletti dall’Assemblea fra i propri componenti. E’ competenza del Consiglio direttivo eleggere al proprio interno il Presidente, il Vice Presidente, il Segretario ed eventuale Cassiere.

  • Il Presidente ed in sua assenza il Vice-Presidente rappresenta l’Associazione nei confronti dei terzi, salvo le eventuali deleghe o mandati conferiti a singoli componenti del Consiglio Direttivo. Il Presidente coordina tutte le attività.
  • Il Segretario cura la verbalizzazione delle sedute dell’Assemblea dei soci e del Consiglio Direttivo, cura la corrispondenza ed i comunicati. Il Cassiere tiene la contabilità inerente ai fatti della gestione ordinaria e straordinaria dell’Associazione; ha la facoltà altresì su autorizzazione del Presidente di effettuare riscossioni e pagamenti inerenti alla gestione dell’Associazione.
  • I Revisori, salvo diversa deliberazione dell’assemblea, si compone di due membri, scelti anche fra non soci ed eletti dell’Assemblea; essi rimangono in carica un triennio. In caso di morte, di rinuncia o di decadenza di un revisore, subentrano i revisori supplenti in ordine di voti. I nuovi revisori scadono insieme con quello in carica. Se con i revisori supplenti non si completa il collegio deve essere convocata l’Assemblea perché provveda all’integrazione del collegio medesimo. I Revisori eseguono il controllo della gestione contabile dell’Associazione e riferiscono su di essa all’assemblea convocata per l’approvazione del bilancio.
  • In caso di dimissione, decadenza  o comunque di diminuzione di uno o più membri del Consiglio direttivo, il/i sostituto/i saranno eletti da una Assemblea straordinaria al luopo convocata. Nel caso in cui la diminuzione o le dimissioni riguardassero la maggioranza dei membri del Consiglio Direttivo si dovranno indire nuove elezioni. La stessa procedura sarà applicata per i Revisori o Organo di controllo.

Il Consiglio direttivo è validamente costituito quando sono presenti 3 membri. I membri del Consiglio direttivo svolgono la loro attività gratuitamente e durano in carica 3 anni. L’intero Consiglio direttivo o anche un suo singolo componente, possono essere revocati dall’Assemblea con la maggioranza di 2/3 dei soci(soci fondatori, ordinari e sostenitori). I componenti del Consiglio direttivo decadono automaticamente nel caso siano assenti non giustificati a tre riunioni consecutive del Consiglio.

Art. 14 – Il Consiglio direttivo è l’organo esecutivo dell’associazione, si riunisce in caso di necessità ed è convocato:

  • dal Presidente;
  • da almeno 3 dei componenti, su richiesta motivata;
  • dai soci (soci fondatori, ordinari e sostenitori) su richiesta motivata e sottoscritta da almeno il 30% degli stessi.

Il Consiglio direttivo ha tutti i poteri di ordinaria e straordinaria amministrazione.

Nella gestione ordinaria i suoi compiti sono:

  • approva eventuale Regolamento interno;
  • predisporre gli atti da sottoporre all’Assemblea;
  • formalizzare le proposte per la gestione dell’Associazione;
  • elaborare il bilancio consuntivo che deve contenere le singole voci di spesa e di entrata relative al periodo di un anno;
  • elaborare il bilancio preventivo che deve contenere, suddivise in singole voci, le previsioni delle spese e delle entrate relative all’esercizio annuale successivo;
  • stabilire gli importi delle quote annuali delle varie categorie di soci;

Di ogni riunione deve essere redatto verbale che resta a disposizione dei Soci a semplice richiesta.

Art. 15 – Il Presidente dura in carica tre anni, è il legale rappresentante dell’Associazione e svolge le seguenti funzioni:

  • convoca e presiede il Consiglio direttivo;
  • sottoscrive tutti gli atti amministrativi compiuti dall’Associazione;
  • può aprire e chiudere conti correnti bancari e postali e procedere agli incassi;
  • conferisce ai soci procura speciale per la gestione di attività varie, previa approvazione del Consiglio direttivo.

Art. 16 – I Revisori o Organo di controllo è composto da due soci eletti dall’Assemblea al di fuori dei componenti del Consiglio direttivo. Dura in carica tre anni ed ha le seguenti funzioni:

  • verificare periodicamente la regolarità formale e sostanziale della contabilità;
  • redigere apposita relazione da allegare ai bilanci preventivo e consuntivo;
  • decidere insindacabilmente, entro trenta giorni dalla presentazione del ricorso, sulle decisioni di espulsione e sui dinieghi di ammissione.

Art. 17 – Lo scioglimento dell’Associazione è deliberato dall’assemblea straordinaria. Il patrimonio residuo dell’ente deve essere devoluto ad associazione con finalità analoghe o per fini di pubblica utilità, sentito l’organismo di controllo di cui all’art. 3, comma 190 della legge 23.12.96, n. 662.

Art. 18 – Le cariche elettive vengono svolte in modo totalmente gratuito.

Art. 19 – Per quanto non previsto dal presente statuto valgono le norme di legge vigenti in materia.

NORMA TRANSITORIA: entro un anno dalla data odierna sarà convocata Assemblea che nominerà il Direttivo definitivo e i Revisori; a tale Assemblea avranno diritto di voto tutti i soci,( fondatori, ordinari e sostenitori) che lo avranno maturato come da Regolamento interno o in mancanza di questo, iscritti da almeno  quattro mesi.

Art. 20 – Risultano essere soci fondatori della Associazione “Circolo della Pulce” i firmatari del presente statuto, i Signori: Ahmed Yasser,  Basso Alberto, Caccamo Maria, D’Amato Angela, Dellepiane Stefano, Modaffari Giancarlo, Molinaris Nadia Amalia, Papini Luca, Podestà Stefano, Raggio Giovanni, Baroni Rivieccio Franca, Panizzi Luca, Rettig Caterina.

 

 

1
Mar

Convocazione Assemblea Pubblica

Gentili Soci, Simpatizzanti e amici,

si comunica che è stata fissata per la data di martedì 15 Marzo 2011 ASSEMBLEA pubblica del Circolo della Pulce. L’assemblea si terrà presso la sala riunioni dell’Hotel Riviera alle ore 21; seguiranno a breve informazioni più dettagliate.

Ringraziando, ricordiamo che in tale Assemblea sarà anche votato il Direttivo definitivo del Circolo e i Revisori dei Conti.

Un saluto e un grazie a tutti.
Il Direttivo


4
Ott

Rapallo o Sparta?

Domenica scorsa, 3 ottobre, anche noi, nel nostro piccolo, abbiamo voluto celebrare l’ottava giornata nazionale per l’abbattimento delle barriere architettoniche. L’abbiamo fatto passeggiando per la nostra città con una persona temporaneamente su sedia a rotelle e una mamma con un passeggino, in modo da verificare e documentare cosa vuol dire non essere agili e in piena forma a Rapallo.

La conformazione del territorio ligure è la scusa più utilizzata per giustificare le gravi mancanze che la nostra città presenta in questo campo, ma in realtà è una questione culturale e civile. E’ indubbiamente impensabile che un disabile si possa arrampicare sulle colline percorrendo creuze e scalinate, ma la città in fondovalle dovrebbe essere perfettamente accessibile in ogni punto. Invece in tutto l’agglomerato urbano centrale, dal centro “più curato” alla periferia estrema, le strade sono un percorso di guerra: marciapiedi sconnessi o addirittura assenti, attraversamenti pedonali senza rampe di raccordo, strade con scalini “inutili”. Dobbiamo purtroppo constatare che la coscienza civile che nel ventunesimo secolo, in un Paese evoluto, dovrebbe essere patrimonio comune e che considera l’assenza di barriere architettoniche una cosa normale a Rapallo non è arrivata. E quando si parla di barriere architettoniche non ci si riferisce soltanto a chi ha la sfortuna di trovarsi su una sedia a rotelle: come detto ci ha accompagnato anche una madre che spingeva il passeggino del figlio, ma il problema è sentito anche dagli anziani, da chiunque abbia difficoltà a camminare. Lo abbiamo sperimentato: un disabile non accompagnato non riesce a spostarsi a Rapallo (e per farlo deve avere un accompagnatore aitante!). E spingere un passeggino è molto difficoltoso: gradini da salire e scendere, manovre millimetriche da fare quando si incrocia un altro passeggino in uno dei tanti marciapiedi stretti, mani ben salde da tenere entrambe sul manubrio per gestire la carrozzina tra le buche.

La conformazione del territorio, si diceva… ma cosa c’entra la ripidità delle colline con la mancanza di rampe di raccordo in corrispondenza degli attraversamenti pedonali? Ecco pronta l’altra scusa che di questi tempi va per la maggiore: il patto di stabilità! Non ci sono soldi. Ma il marciapiede di corso Italia, in corrispondenza delle “case storte” ora ricostruite, è stato appena rifatto: perchè non è stata fatta la rampa di raccordo? Non è questione di orografia nè di disponibilità finanziarie: manca la volontà di realizzare una città accessibile, manca l’attenzione per i più deboli. Lo si vede dai piccoli particolari: in molti casi anche in presenza delle rampe di raccordo queste finiscono con un gradino che per quanto basso possa essere è un ostacolo insormontabile per un disabile.

Questa nostra passeggiata aveva lo scopo di sensibilizzare la cittadinanza e, soprattutto, l’Amministrazione Comunale affinchè siano cancellati tutti gli ostacoli che si presentano in città. Non rimarrà una cosa fine a sè stessa: a breve produrremo una cartografia su cui saranno riportati tutti i punti critici ed essa sarà trasmessa agli uffici comunali. Invitiamo inoltre tutti i cittadini a segnalarci le altre barriere architettoniche esistenti negli altri quartieri, in modo che la cartografia possa venire in seguito completata ed aggiornata e si arrivi ad una città più vivibile.

Il Direttivo del Circolo della Pulce.

 

17
Lug

Abbiamo attivato le caselle email

Se avete disservizi da segnalare o materiale da inviare o se desiderate informazioni per iscrivervi al Circolo:

Per contattare il presidente del Circolo:

12
Lug

Depuratore: davanti a questa follia ogni altra polemica diventa insignificante

A marzo è stata data notizia dell’accordo tra Comune ed Enti e Società istituzionalmente interessate per la realizzazione di un depuratore a Rapallo. Una notizia passata quasi inosservata: nessuna enfasi particolare nonostante la grossa somma in gioco, soltanto qualche accenno alla necessità dell’impianto per adeguarsi alle normative e per avere un mare pulito e balneabile. Molti pensarono ad un intervento di adeguamento dell’impianto esistente sito sotto il parcheggio di piazzale Daneri (che, ricordiamolo, è solo un impianto di primo trattamento, non un depuratore). Le reali dimensioni dell’opera sono state accuratamente celate.

Soltanto grazie all’azione dell’appena costituito Comitato i cittadini hanno potuto conoscere che cosa è previsto e cioè un depuratore idoneo per servire 90.000 abitanti da realizzarsi non al posto dell’impianto esistente, ma nella parte bassa del parcheggio, cioè quella con accesso diretto da via Betti con posti liberi, zona merci e parcheggi per residenti. Tutta quest’area, che misura circa 70 metri per 25, verrà scavata per una profondità di oltre 10 metri per realizzare il vano che ospiterà gli impianti di trattamento. Un opera faraonica, da realizzarsi in 5 anni, tra il 2010 e il 2015… sì, 2010, perchè l’inizio dei lavori è previsto per dicembre!

Ricapitoliamo i pochi dati che si sono riusciti a sapere: depuratore per 90.000 persone, da realizzarsi interrato, in un’area di 70 metri per 25, 10 metri sotto l’attuale livello del parcheggio e cioè fino ad una quota di 6 metri più bassa del fondo del vicino torrente S.Francesco. Un volume di scavo di oltre 20.000 metri cubi di terra da portare via con oltre 3000 camion. Almeno 600 autobetoniere (di quelle grosse!) per portare il calcestruzzo necessario per le opere di fondazione, contenimento e copertura.

Non si tratta assolutamente un problema di chi abita vicino all’impianto, ma la rilevanza è per tutta la città!

Ci sono tre questioni che ci lasciano interdetti:

il metodo con cui il Comune ha portato avanti la pratica;
l’opportunità di ubicare un impianto di depurazione fognaria in pieno centro, in un’area ad altissima densità edificata;
i disagi che questa ubicazione comporterà durante l’esecuzione dei lavori.
Il Comune ha usato metodi degni della Corea del Nord. Gli abitanti della zona hanno richiesto documentazione, ma hanno incontrato fortissime resistenze. A quanto pare non hanno avuto il progetto completo, ma soltanto pochi estratti in base ai quali l’entità dell’opera era comprensibile solo da tecnici. Il tutto è passato sotto silenzio, con pochi comunicati stampa che non davano notizie su come sarebbe stato l’impianto. Solo dopo le continue insistenze delle persone che sabato scorso hanno fondato il Comitato è stata fatta una riunione invitando soltanto alcuni di loro e vietando l’ingresso ad ogni altro cittadino. Il Comune ha sminuito le dimensioni dell’opera ed ha portato come esempio il depuratore genovese di Quinto, che ha la stessa tecnica depurativa: peccato che pochi giorni gli organi di stampa hanno dato risalto alle proteste degli abitanti della delegazione genovese, assediati dai miasmi provenienti dal depuratore (e ricordiamo che esso è per 56.000 abitanti, cioè poco più della metà rispetto a quello progettato a Rapallo, ed è sito in posizione ben più defilata rispetto alle abitazioni!).

Un’opera di questa importanza deve essere preventivamente condivisa con la popolazione, l’ubicazione deve essere concordata, scelta tra diverse possibilità! Invece siamo davanti all’opera definitivamente progettata, approvata e in buona parte finanziata.

L’ubicazione appare semplicemente folle. Un depuratore per 90.000 persone realizzato nel bel mezzo di case e palazzi, nella zona più densamente edificata della città. Un depuratore è una macchina biologica che ha bisogno di tempi di avviamento e che in presenza di qualsiasi problema causa miasmi insopportabili, per non parlare della potenziale presenza di elementi inquinanti e tossici. Anche ragionando cinicamente, non si tratta di una zona periferica degradata, ma del centro: a un centinaio di metri c’è il castello sul mare, simbolo della città, la passeggiata a mare, il centro storico, la collina di S.Bartolomeo (cioè una delle zone residenziali di maggior pregio). Ed è anche un’area urbanisticamente strategica, una delle poche aree rimaste libere all’interno del tessuto urbano: non la si può sacrificare per un depuratore.

Legati all’ubicazione sono gli enormi disagi provenienti dalla realizzazione dei lavori: la zona è difficilmente raggiungibile, soprattutto per i mezzi pesanti a causa delle ridotte altezze dei sottopassi ferroviari. Dal semplice calcolo geometrico dell’area interessata risulta che ci vorranno circa 3000 camion per asportare tutto il materiale di scavo: dove passeranno? Raggiungeranno via Bolzano percorrendo contromano via Mameli (con la necessità di vigili e interruzione del traffico)? Oppure attraverseranno tutto il centro? Sempre, comunque, passando davanti alle principali scuole cittadine.
Non dimentichiamoci, inoltre, che l’area oggi ospita uno dei più importanti parcheggi per il centro: circa 200 posti auto tra posti liberi, a rotazione, per residenti e zone merci. Come farà la città a sopportare la loro mancanza per diversi anni?

Non si tratta di sopportare qualche disagio per un po’, per poi avere un’opera valida per la città! E non si tratta di dire solo no: questa decisione scellerata è certamente frutto della miopia dell’Amministrazione comunale. In quel luogo converge tutta la rete fognaria cittadina per cui, molto grettamente, avranno pensato che fosse il luogo migliore (probabilmente nemmeno loro hanno compreso l’entità dell’opera!). Ma la differenza di costo tra l’impianto interrato e uno chiuso in un capannone fuori terra è pari a non meno di 1 milione di euro: con questa cifra si poteva anche costruire un collettore che portasse la fogna in un luogo più idoneo, fuori da zone edificate.

Il Circolo della Pulce farà tutto quanto possibile per sensibilizzare la città al fine di spostare un impianto sicuramente indispensabile per la città, ma da realizzare in luogo più idoneo.
Da un punto di vista politico è molto forte la tentazione di chiedere il perchè del colpevole silenzio delle forze di minoranza, solitamente molto attente ad ogni piccola cosa che accade a Rapallo e che coinvolge l’Amministrazione, ma visto il rischio che sta correndo la nostra comunità, il nostro senso di responsabilità ci detta un appello a tutte le forze politiche, economiche, sociali, a tutti gli uomini di buona volontà, perchè si mobilitino affinchè questa decisione scellerata venga cancellata e si possa giungere ad una soluzione migliore.

Il Direttivo del “Circolo della Pulce”

La zona dove è previsto venga costruito il depuratore individuata dalla funivia

23
Giu

Abusi lungo la Mulattiera per Montallegro a Rapallo

Stanno per iniziare le celebrazioni in onore di N.S. di Montallegro con la Novena, durante la quale i pellegrini salgono al Santuario a piedi, di notte, per partecipare alla Santa Messa mattutina. Purtroppo quest’anno ad attendere il “popolo della novena”, ma anche i turisti e i gitanti che percorrono l’antico tracciato cinquecentesco ci sarà una brutta sorpresa.

Dopo aver superato la prima salita si prendeva fiato in un punto di straordinaria panoramicità, dal quale si dominava tutto il Golfo: questa vista unica al mondo è oggi celata alla vista del cittadino perchè lungo il ciglio della strada pedonale pubblica un privato ha installato una recinzione cieca fatta di pannelli metallici.

Un manufatto prepotente che non solo toglie la vista del mare, ma incombe sulla mulattiera sovrastata da questa cortina nera e cupa.

Il Circolo non può rimanere indifferente a questa ferita inferta ad un luogo così caro ai rapallini e si batterà fino in fondo perchè questo sopruso sia cancellato. Esortiamo quindi tutti i cittadini ad unirsi a noi al fine di fare pressione sul Comune e sugli Enti preposti affinchè non approvino la richiesta di sanatoria edilizia presentata dalla società proprietaria del terreno, ma, anzi, facciano rimuovere al più presto una tale bruttura.

Il Direttivo del Circolo della Pulce.

Rapallo, 23 giugno 2010

7
Giu

La proposta del Circolo della Pulce per la viabilità di P.le Genova

Proposta attuale

La nuova sistemazione viaria di piazzale Genova non funziona. Sicuramente ha reso il luogo più ordinato da un punto di vista estetico, ma ci sono molti dubbi sulla reale efficacia dell’intervento dal punto di vista del traffico: a fronte di un maggior ordine nei periodi di traffico scarso sono aumentati i problemi delle ore di punta lungo le direttrici principali.

L’unico miglioramento che si riscontra è nell’immissione da via S.Pietro: avendo le auto provenienti dal centro l’obbligo di dare la precedenza esse si fermano e si viene così ad evitare il continuo flusso che rendeva difficile l’immissione suddetta. Questo è però un miglioramento riscontrabile nei periodi di minor traffico, mentre in caso di forte afflusso dal centro, con la diminuzione ad una sola corsia del tratto terminale di via Arpinati, quello che per da un lato è un miglioramento fa aumentare la coda fino a raggiungere via Mameli.
L’Amministrazione comunale all’inizio dei lavori ha parlato di una fase di sperimentazione e di essere aperta ad introdurre i cambiamenti e i miglioramenti che sarebbero venuti da proposte costruttive e dall’osservazione nel periodo provvisorio. Ci pare che questi buoni propositi siano rimasti tali in quanto il progetto è stato sostanzialmente realizzato senza cambiamenti e nonostante le numerose proteste il tutto è stato liquidato con l’affermazione (interessata!) della Società Autostrade che diceva che tutto va bene.

Come Circolo abbiamo analizzato la situazione e superando il mero mugugno fine a sè stesso (che non fa parte della nostra azione politica) siamo a proporre due primi interventi di miglioramento, in attesa di approfondire maggiormente l’analisi sentendo anche i Comitati di Quartiere e i cittadini della zona per conoscere bene le problematiche locali. Questi due primi interventi riguardano il conflitto tra il flusso diretto a S.Maria col flusso in uscita dal casello e l’impossibilità per gli abitanti di S.Anna di utilizzare percorsi alternativi a causa dell’impossibilità di raggiungere via Puchoz da via S.Anna.

 

Proposta di progetto

 

1. Piazzale Genova.
Come dicevamo il nodo irrisolto più rilevante rimane l’accesso dal casello autostradale.
Non è francamente accettabile quanto affermato dall’Assessore Puggioni in Consiglio Comunale, secondo il quale il problema è della Società Autostrade, non del Comune, ed essendo la stessa Società Autostrade la redattrice del progetto va tutto bene. Chi esce dal casello e si trova in coda in uscita non sono forse per la maggior parte residenti e ospiti rapallesi?

Questo aspetto risulta peggiorato dalla nuova sistemazione. Ciò è principalmente dovuto alla riduzione ad una sola corsia il flusso proveniente dal casello e in immissione in piazzale Genova, ma anche ad un altro motivo a nostro avviso sottovalutato: a causa dell’attuale configurazione della rotonda l’automobilista che una volta uscito dal casello si ferma per dare la precedenza a chi giunge da sinistra non riesce a capire l’intenzione dei veicoli che sopraggiungono ed è costretto a stare fermo non solo per far passare chi è diretto a S.Maria ma anche se arrivano vecioli che proseguono verso il casello o che girano attorno all’aiola centrale e tornano verso il centro. Ciò avviene a causa dell’eccessiva vicinanza alla corsia ai accesso AL casello dello sbocco della corsia proveniente DAL casello ed alla traiettoria trasversale tra le due corsie che fanno le auto dirette verso S.Maria.
Noi proponiamo di spostare la corsia proveniente dal casello più a destra possibile, in modo da allontanarla dalla corsia diretta al casello e di dividere fisicamente le due corsie della rotonda, in modo da differenziare chiaramente il flusso di veicolo diretti a S.Maria da quelli che ritornano verso il centro girando attorno all’aiola. In questo modo i tempi di fermata dei veicoli provenienti dal casello si ridurrebbero notevolmente (secondo noi almeno del 50%), in quanto essi si fermerebbero solo ed esclusivamente in presenza di auto dirette verso S.Maria, mentre potrebbero immettersi nella rotonda ed affiancare i veicoli che girano attorno all’aiola, essendo presenti due corsie.

2. Via Puchoz.
Altra problematica per la quale proponiamo una modifica è l’attuale sistemazione dell’incrocio al bivio via S.Anna-via Arpinati. Per chi abita nella zona del Castellino e nella parte alta del quartiere di S.Anna via Puchoz è un prezioso percorso alternativo, soprattutto in presenza di code verso il centro. Oggi chi proviene da piazzale Genova non può più attraversa via Arpinati e raggiungere via Puchoz ed è obbligato a fare la coda fino a via Tito Speri, aumentando la coda e l’ingorgo verso il centro. Richiediamo, pertanto, il ripristino del collegamento diretto via S.Anna-via Puchoz, con la contestuale risistemazione dell’incrocio con via Tre Scalini in modo da creare uno spazio pedonale di rispetto per la vicina scuola materna.

Queste nostre proposte sono qui rese pubbliche e saranno presentate all’Amministrazione Comunale affinchè possano essere discusse nell’ottica di un primo miglioramento dell’attuale situazione.

6
Giu

Nascita del Circolo

Nascita circolo (secoloXIX)

Il Secolo XIX (06.06.2010)

5
Giu

Nascita del “Circolo della Pulce”

Con la gioia e l’orgoglio che si hanno nell’annunciare un nuovo arrivo in famiglia siamo a partecipare tutta la cittadinanza alla nascita del “Circolo della Pulce”.

Siamo al primo passo di un lungo cammino che ha come mèta il cambiamento di Rapallo, in senso fisico e sociale, attraverso un rinnovamento del dibattito politico-culturale.

La volontà… la necessità (!) di cambiare che moltissime persone sentono dentro possono da oggi avere uno sbocco nelle attività del Circolo, che si prefigge di ascoltare, di raccogliere tutte le istanze che vengono dai cittadini, di farsene portavoce presso i luoghi dove si prendono le decisioni che coinvolgono la comunità e di proporre un nuova città più armoniosa, più vivibile e più… pulita (sotto tutti i punti di vista!).

Nella riunione di venerdì 4 giugno 2010 i soci fondatori hanno approvato lo Statuto ed eletto gli organi che gestiranno l’associazione il primo anno, in attesa dell’assemblea ordinaria dei soci. Il Direttivo che accompagnerà il Circolo in questa prima fase è composto da Angela D’Amato, Franca Baroni Rivieccio, Nadia Molinaris, Alberto Basso, Giancarlo Modaffari e Luca Papini, con Stefano Podestà membro supplente. Presidente è stato nominato Giovanni Raggio.

Definiti gli aspetti regolamentari, il Circolo inizierà ora a pieno regime la sua attività, organizzando a breve un incontro aperto a tutta la cittadinanza per fare conoscenza e raccogliere le adesioni di tutti quelli che vorranno condividere le proprie esperienze e il proprio entusiasmo. Lavoce della neonata Associazione non mancherà di farsi sentire circa le principali questioni oggi sul tappeto, come ad esempio la viabilità di S.Anna, problematica che va affrontata al più presto perchè le modifiche o si propongono ora o, come sempre, sarà troppo tardi. Noi non vogliamo solo denunciare o andare “contro”, ma soprattutto discutere insieme e trovare le soluzioni migliori.

Nell’invitare tutti a non perdere la speranza di un cambiamento per Rapallo, esortiamo la cittadinanza a sostenerci e a farci sapere ogni più piccola cosa che non funziona nella nostra città “bella e… addormentata”.

(Comunicato stampa – Il Direttivo)